“Ogni giorno la cosa più importante è sempre la vigna”

Famiglia Santone

La nostra storia racconta di una famiglia da sempre vocata al vino e alle tradizioni.

Tutto è partito dalla testarda intuizione di nostro padre Tito Gabriele, autentico vignaiolo che ha trasmesso sconfinata passione, conoscenza e spirito di sacrificio a noi tre fratelli Massimo, Pasqualino e Carlo Alberto. Oggi, come allora, la nostra quotidianità è fatta dei tanti gesti da compiere nell’anno che corre tra due vendemmie per dare vita ai vini Santone.

santone-vini-composizione-bottiglie
Background

Da generazioni siamo viticoltori fedeli a un territorio di grandi vini e vitigni.

Dal 1984 ci prendiamo cura dei vigneti che rappresentano un vero patrimonio abruzzese e italiano: soprattutto il Montepulciano d’Abruzzo, oltre a Cabernet Sauvignon, Pinot Grigio, Merlot, Pecorino, Trebbiano, Malvasia e Chardonnay. Lungo i 180 ettari vitati che coltiviamo sostenibilmente tra Silvi, Atri, Roseto e Notaresco, si sviluppa il pedoclima ideale che solo un territorio tra il Gran Sasso e l’Adriatico può offrire.

Background

Santone, gruppo di famiglia in una vigna

Da quando era ragazzo ha lavorato le vigne dei Sorricchio, una famiglia di grandi proprietari terrieri abruzzesi, e così è nata la sua passione per la vite e il vino. «Nostro padre è un vignaiolo autentico», raccontano i figli Massimo, Pasqualino e Carlo assieme alla madre Dea Rosanna. «Per lui, la cosa più importante ogni giorno è la vigna, con i suoi bisogni e le sue potenzialità».